.

.
Facebook: I lettori di Domenico Losurdo

martedì 19 aprile 2016

La questione di diritti umani, la Cina e gli Stati Uniti


Dopo il trionfo conseguito nella Guerra fredda i neoconservatori hanno chiamato gli Stati Uniti ad atteggiarsi a «sceriffo internazionale», che in modo sovrano interviene militarmente in ogni angolo del mondo, senza mandato dell’ONU e calpestando tranquillamente il diritto internazionale e la sovranità di questo o quel paese. Ben si comprende che lo «sceriffo internazionale» pretenda di essere al tempo stesso il giudice indiscusso e indiscutibile di tutti i governi del pianeta: ogni anno il Dipartimento di Stato pubblica un documento sulla situazione dei «diritti dell’uomo» in ogni paese del mondo, esclusi naturalmente gli USA. Il «giudice» autorizza lo «sceriffo» a preparare o scatenare la guerra, ma si tratta pur sempre del medesimo sovrano ovvero del medesimo gruppo di potere: la bandiera dei diritti quale ideologia della guerra! Anche sul piano ideologico e multimediale, l’imperialismo americano è di gran lunga il nemico principale. Tanto più opportuno e chiarificatore si presenta l’intervento dei compagni cinesi, che denuncia e documenta l’ipocrisia di Washington e che qui pubblichiamo [DL].

Human rights record of the United States
2016-04-15 08:09 (China Daily)
On January 11, 2016, activists marched in front of the White House in Washington, D.C., to support the closing of Guantanamo Bay. There was song, prayer, and representative acts over the course of several hours to show the need for the prolonged closing of this detention center.[Photo/IC]
Editor's Note: The State Council Information Office of the People's Republic of China published a report titled "Human Rights Record of the United States in 2015" on April 15. Following is the full text of the report.

Foreword
On April 13 local time, the State Department of the United States released its country reports on human rights practices. It made comments on the human rights situation in many countries once again while being tight-lipped about its own terrible human rights record and showing not a bit of intention to reflect on it. In 2015, the United States saw no improvement in its existent human rights issues, but reported numerous new problems. Since the U.S. government refuses to hold up a mirror to look at itself, it has to be done with other people's help.
The following facts about the U.S. human rights situation in 2015 are supported by irrefutable records.

· The use of guns was out of control in the United States, which severely threatened citizens' right of life. The frequent occurrence of shooting incidents was the deepest impression left to the world concerning the United States in 2015. There were a total of 51,675 gun violence incidents in the United States in 2015 as of December 28, leaving 13,136 killed and 26,493 injured...

Leggi tutto su chinadaily

lunedì 11 aprile 2016

Un'iniziativa anche a Nizza

"LES RENCONTRES DE LA PENSÉE CRITIQUE"
Les Amis de la Liberté vous invitent à une
C O N F E R E N C E -  D E B A T S
" MATÉRIALISME HISTORIQUE ET LUTTE DES CLASSES "
Avec : DOMENICO  LOSURDO
Philosophe - Historien
Professeur émérite à l’Université  italienne d'Urbino
Docteur honoris-causa de l'Université di Nitoroi de Rio de Janeiro
JEUDI 14 AVRIL 18 H 30
Amphithéâtre Espace Associations
12 place Garibaldi Nice ( Arrêt Tram - parking Théâtre)
ENTRÉE GRATUITE  - TOUT PUBLIC

"On parle beaucoup depuis la crise de 2008 d'un "retour de la lutte". Mais avait-elle réellement disparu?. Ce sont certains penseurs de  l’État social de droit qui avait été mis en place après 1945 qui ont accrédité ce thème. Ils ont simplement oublié que l'avènement de l’État social avait été le résultat de la lutte de classes. Les conflits qui ont marqué la décolonisation en Algérie, au Vietnam, à  Cuba, n'ont pas été des luttes d'indépendance nationale séparées de la dimension de classe. Les combats pour la libération des femmes ont eu pour adversaire le patriarcal
isme.  Les luttes du travail contre le capital sont toujours à l'ordre du jour.  Marx savait que la lutte de classes ne se limite pas au conflit entre bourgeoisie et prolétariat et il a soutenu  la lutte de l'Irlande pour l'indépendance. Engels a su de même dénoncer le patriarcalisme. La saison des luttes qui trouve un nouveau souffle oblige à articuler encore et mieux la lutte de classes en trois moments. Dans les pays soumis à une domination (post)coloniale, il s'agit de la lutte pour l'indépendance. Dans tous les pays,les travailleurs ont  à affronter  les conflits du travail. Dans le monde entier la lutte pour l'émancipation des femmes contre le patriarcalisme  est d'actualité "

 
Domenico Losurdo est professeur émérite  à l 'Université d'Urbino. Spécialiste réputé internationalement  de philosophie politique et historien, il est connu par ses ouvrages de référence sur la pensée de Hegel et de Marx, sur  l'histoire critique du libéralisme, sur la théorie et les pratiques du mouvement ouvrier, et enfin par ses polémiques argumentées contre l'idéologie américaine. Il est le penseur des conflits historiques du monde moderne et contemporain.
--
"Les Amis de la Liberté"
Association culturelle loi de 1901- 2 place St  Roch 06300 Nice
Objet de l'association (extrait) : "Développer hors de tous préjugés d'ordre social, ethnique ou religieux, et dans le seul engagement de la raison et de l'honneur, une citoyenneté dévouée au bien public, à la laïcité dans la République et animée de sentiments de fraternité, de solidarité et de respect de tou(te)s et de chacun(e)".
Notre courriel : amisdelaliberte@gmail.com

venerdì 8 aprile 2016

La presentazione del Nietzsche alla Sorbona

Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne
LABORATOIRE ‘PHARE’ :
PHILOSOPHIE, HISTOIRE ET ANALYSE DES REPRÉSENTATIONS ÉCONOMIQUES

Marx au XXIe siècle, l’esprit & la lettre
Séminaire hebdomadaire sous la responsabilité de Jean Salem, co-organisé avec Anne Durand, Rémy Herrera et Aymeric Monville avec le soutien du CERPHI (École normale supérieure de Lyon) et du Centre Universitaire d’Études marxistes (CUEM)
______________

samedi 9 AVRIL 2016, de 14h à 16h
Domenico LOSURDO
Philosophe, professeur émérite en philosophie à l’université d'Urbino (Italie)

Nietzsche, le rebelle aristocratique
Sorbonne amphithéâtre Lefebvre
entrée : 14, rue Cujas,Galerie Jean-Baptiste Dumas, escalier R, 1er étage

lunedì 4 aprile 2016

L'edizione francese di "Nietzsche. Il ribelle aristocratico": due iniziative a Parigi




Parution et présentation samedi 9 avril



Nietzsche le rebelle aristocratique. Biographie intellectuelle et bilan critique
de Domenico Losurdo

Samedi 9 avril, deux rendez-vous exceptionnels, avec l'auteur (conférence en français)

14h à 16h Présentation générale de l'ouvrage Séminaire Marx au XXIe siècle
Sorbonne, amphithéâtre Lefebvre
14, rue Cujas, Galerie Jean-Baptiste Dumas, escalier R, 1er étage.
Métro : Cluny-Sorbonne – RER : Luxembourg

19h30 Nietzsche face aux marxistes Librairie Tropiques
63 rue Raymond Losserand
75014 Paris, métro Pernetty

Plus d'infos sur le livre…

martedì 29 marzo 2016

martedì 15 marzo 2016

Dopo "Nietzsche: o rebelde aristocrata" esce in Brasile "Nietzsche e a crìtica da Modernidade"

Lançamento da Editora Ideias & Letras
Já nas Livrarias

NIETZSCHE e a crítica da Modernidade

Domenico Losurdo

Traduzido por Alessandra Siedschlag

Editora: Ideias & Letras Páginas: 88 Edição: 1ª Ano: 2016 ISBN: 978-85-5580-009-2

Sinopse
A trágica grandeza de Nietzsche, o fascínio e a extraordinária riqueza de sugestões de um autor capaz de repensar a história inteira do Ocidente e de se colocar, bem além da atualidade, no terreno da “longa duração”. Tudo isso emerge totalmente apenas se, – renunciarmos a remover suas páginas mais inquietantes ou repugnantes ou a transfigurá-las em um inocente jogo de metáforas – ousarmos olhá-lo de frente por aquilo que realmente é: o maior pensador entre os reacionários e o maior reacionário entre os pensadores.

mercoledì 2 marzo 2016

La gerarchia delle forze imperialistiche: "gli alleati europei sono solo vassalli degli Stati Uniti". Un'intervista e un intervento di Domenico Losurdo in Germania


 
INTERVIEW/296: Treffen um Rosa Luxemburg - Revolutionärer Lernprozeß ... Domenico Losurdo im Gespräch (1) (SB)

Die Hierarchie der imperialistischen Kriegstreiber
Interview am 10. Januar 2016 in Berlin

Der ita­lie­ni­sche Phi­lo­soph und Pu­bli­zist Do­me­ni­co Lo­sur­do ist Pro­fes­sor für Ge­schich­te der Phi­lo­so­phie an der Uni­ver­si­tät Ur­bi­no sowie Prä­si­dent der In­ter­na­tio­na­len Ge­sell­schaft für dia­lek­ti­sches Den­ken. Zu­sam­men mit dem 2011 ver­stor­be­nen Hans Heinz Holz gab er die phi­lo­so­phi­sche Halb­jah­res­schrift Topos her­aus. In den 1960er Jah­ren trat er der Kom­mu­nis­ti­schen Par­tei Ita­li­ens bei, nach deren Auf­lö­sung im Jahr 1991 er Mit­glied der Par­ti­to della Rif­on­da­zio­ne Co­mu­nis­ta wurde. Der­zeit ge­hört er der Par­ti­to dei Co­mu­nis­ti Ita­lia­ni an und ist Prä­si­dent der As­so­cia­zio­ne Po­li­ti­ca e Cul­tu­ra­le MARX XXI, die unter an­de­rem die kom­mu­nis­ti­sche Zeit­schrift Marx Ven­tu­no her­aus­gibt.
Zu sei­nen wich­tigs­ten Bü­chern zäh­len "Kampf um die Ge­schich­te. Der his­to­ri­sche Re­vi­sio­nis­mus und seine My­then - Nolte, Furet und die an­de­ren", "Die Ge­mein­schaft, der Tod, das Abend­land" über die Hal­tung der deut­schen Geis­tes­wis­sen­schaft­ler ge­gen­über dem Ers­ten Welt­krieg sowie in jün­ge­rer Zeit "Sta­lin: Ge­schich­te und Kri­tik einer schwar­zen Le­gen­de" (2013) und "Ge­walt­lo­sig­keit: Eine Ge­gen­ge­schich­te" (2015).
Do­me­ni­co Lo­sur­do ge­hör­te zu den Po­di­ums­teil­neh­mern der Dis­kus­si­ons­ver­an­stal­tung "An­ti­im­pe­ria­lis­mus heute", zu der die Eu­ro­päi­sche Linke am Vor­abend ihres Jah­res­auf­takts in Ber­lin ein­ge­la­den hatte. Der Schat­ten­blick nahm die Ge­le­gen­heit wahr, ihm ei­ni­ge Fra­gen zu den maß­geb­li­chen im­pe­ria­lis­ti­schen Kriegs­trei­bern, zum öko­no­mi­schen Ko­lo­nia­lis­mus, zur Ge­walt­lo­sig­keit bei Gan­dhi, zur his­to­ri­schen Be­wer­tung Sta­lins wie auch zu einer so­zia­lis­ti­schen Per­spek­ti­ve zu stel­len.
_____________________

Schat­ten­blick (SB): Herr Lo­sur­do, bei der gest­ri­gen Po­di­ums­dis­kus­si­on zum Thema "An­ti­im­pe­ria­lis­mus heute" stand der Vor­schlag im Raum, An­ti­ka­pi­ta­lis­mus und An­ti­im­pe­ria­lis­mus zu tren­nen, weil letz­te­rer leich­ter zu ver­mit­teln und folg­lich bünd­nis­fä­hi­ger sei. Ist das aus Ihrer Sicht ein sinn­vol­les Ar­gu­ment?

Do­me­ni­co Lo­sur­do (DL): Wir kön­nen sagen, daß Ka­pi­ta­lis­mus, Fa­schis­mus und Im­pe­ria­lis­mus zu­sam­men­ge­bun­den sind. Aber wir soll­ten uns auch Ge­dan­ken dar­über ma­chen, daß für den Kampf gegen den im­pe­ria­lis­ti­schen Krieg eine brei­te­re Front er­forder­lich ist. An­ge­sichts der Ge­fahr eines Krie­ges, sogar eines Atom­krie­ges, ist zwangs­läu­fig das ganze Volk daran in­ter­es­siert, diese Tra­gö­die ab­zu­wen­den. Wir müs­sen daher das ge­sam­te Volk an­spre­chen, um den Krieg zu ver­hin­dern. Aber das be­deu­tet nicht, daß Kom­mu­nis­ten nicht be­le­gen könn­ten, daß erst die Ab­schaf­fung des Ka­pi­ta­lis­mus die Kriegs­ge­fahr end­gül­tig ab­wen­den kann. Zu­nächst geht es je­doch darum, diese kon­kre­te Kriegs­ge­fahr zu ban­nen...
Leggi tutto su Schattenblick 

Seconda parte
Sozialismus - weder verraten noch gescheitert (Socialismo: né tradimento, né fallimento)
Interview am 10. Januar 2016 in Berlin
Im ers­ten Teil des In­ter­views mit dem ita­lie­ni­schen Phi­lo­so­phen und Pu­bli­zis­ten Do­me­ni­co Lo­sur­do kamen die maß­geb­li­chen im­pe­ria­lis­ti­schen Kriegs­trei­ber, der öko­no­mi­sche Ko­lo­nia­lis­mus und die ver­meint­li­che Ge­walt­lo­sig­keit Gan­dhis zur Spra­che. Der nun fol­gen­de zwei­te Teil des Ge­sprächs the­ma­ti­siert die an­geb­li­chen Re­li­gi­ons- und Kul­tur­krie­ge der Ge­gen­wart, die his­to­ri­sche Be­wer­tung Sta­lins sowie die so­zia­lis­ti­sche Per­spek­ti­ve.

Schat­ten­blick (SB): Eth­nisch oder re­li­gi­ös kon­no­tier­te Krie­ge grö­ße­ren Aus­ma­ßes schie­nen lange ein Re­likt aus einer mehr oder min­der fer­nen Ver­gan­gen­heit zu sein. Im Zuge des pro­kla­mier­ten "Kampfs der Kul­tu­ren" wur­den sie wie­der auf die Ta­ges­ord­nung ge­setzt. Auf wel­che Weise wer­den mi­li­tä­ri­sche Aus­ein­an­der­set­zun­gen unter die­sem Vor­zei­chen in­iti­iert und be­feu­ert?

Do­me­ni­co Lo­sur­do (DL): Wir dür­fen in die­sem Zu­sam­men­hang die Ver­ant­wor­tung des Wes­tens nicht ver­ges­sen oder ver­schwei­gen. Wie wurde der zwei­te Golf­krieg 2003 gegen den Irak sei­tens des Wes­tens vor­be­rei­tet und durch­ge­führt? In aller Of­fen­heit unter­stütz­te man die Schii­ten gegen den Sun­ni­ten Sad­dam Hus­sein, wor­auf man nach dem Bür­ger­krieg ver­such­te, um­ge­kehrt die Sun­ni­ten gegen die Schii­ten aus­zu­spie­len. Das voll­stän­di­ge Zer­würf­nis zwi­schen Sun­ni­ten und Schii­ten ist das Er­geb­nis der neo­ko­lo­nia­len Krie­ge, die im Mitt­le­ren Osten aus­ge­tra­gen wur­den. Ich habe in mei­nem gest­ri­gen Vor­trag von den Plä­nen US-ame­ri­ka­ni­scher Neo­kon­ser­va­ti­ver ge­spro­chen, die schon 2003 eine Frag­men­tie­rung des Irak ins Auge faß­ten. Heute gehen ame­ri­ka­ni­sche Stra­te­gen daran, nach dem Irak auch Sy­ri­en auf diese Weise zu zer­schla­gen.
Das war auch die Tra­gö­die Ju­go­sla­wi­ens, das zwar...
Leggi tutto su Schattenblick

_________________________________

Clara - Ausgabe 39
29.02.2016Domenico Losurdo

Freiheit von Not und Furcht

Die heutige Offensive der Rechten gründet auf dem Neoliberalismus und Neokolonialismus. Um dagegenzuhalten, müsse sich die Linke auf eine traditionsreiche Losung besinnen, schreibt Domenico Losurdo.

Am 6. Januar 1941, während der vom Dritten Reich entfesselte Weltkrieg wütete, hob der damalige US-amerikanische Präsident in einer Rede hervor, dass selbstverständlich der Respekt vor den traditionellen liberalen Freiheiten, aber auch die Grundsätze „Freedom from Want“ (deutsch: Freiheit von Not) und „Freedom from Fear“ (deutsch: Freiheit von Furcht) Bedingungen für eine Friedensordnung sein müssten. 
 
In einer Welt, in der erhebliche Massen von Menschen dem Hunger ausgeliefert waren, konnte es keine Stabilität geben. Aber was machte es für einen Sinn, von Frieden zu sprechen, wenn die kleineren Staaten mit der Bedrohung leben mussten, von den mächtigeren Staaten bombardiert, angegriffen und überfallen zu werden?...
Leggi tutto su Linksfraktion

domenica 7 febbraio 2016

Un articolo sulla Cina e il "Pivot to Asia" statunitense

 

La Cina rappresenta davvero una minaccia a livello geopolitico per gli Stati Uniti e i Paesi ad essa confinanti nella regione del Pacifico? Vi presentiamo un estratto del Prof. Domenico Losurdo che analizza alcune questioni relative alla cosiddetta “minaccia cinese”
Gli USA, il pivot anticinese e i pericoli di guerra
Domenico Losurdo Il caffè geopolitico 5 febbraio 2016
IL PIVOT ASIATICO – Il “pivot” viene spesso presentato in Occidente come una risposta alla “minaccia“ proveniente da Pechino. Non c’è dubbio che con l’ascesa o, più esattamente, col ritorno della Cina, dopo la fine del “secolo delle umiliazioni“, e con l’avanzare del processo di maturazione della Repubblica popolare, il quadro internazionale sta cambiando in modo radicale. Nel marzo 1949 il generale statunitense MacArthur poteva constatare compiaciuto: «Ora il Pacifico è diventato un lago Anglo-Sassone» (in Kissinger 2011, p. 125). Dati i rapporti di forza esistenti, gli USA potevano sperare di bloccare con il loro intervento l’ascesa al potere del partito comunista e di Mao Zedong; la speranza andava rapidamente delusa e a Washington, tra polemiche furibonde, si scatenava la caccia al responsabile della “perdita” del grande Paese asiatico...
Leggi tutto su Il caffè geopolitico
Domenico Losurdo: Os EUA, o pivô antichinês e os perigos de guerra
Tradução de Marcos Aurélio Silva. Prof. dos cursos de graduação e pós-graduação em geografia da UFSC

sabato 30 gennaio 2016

Campagna italiana per la revoca degli accordi con il Technion. A sostegno della campagna palestinese per il boicottaggio accademico delle istituzioni israeliane



Drone di supporto logistico, sviluppato per la catena di approvvigionamento militare. Foto: Technion Faculty of Aerospace Engineering


L’APPELLO

Noi, docenti e ricercatori/trici delle Università italiane siamo profondamente turbati dalla collaborazione tra l’Istituto israeliano di tecnologia “Technion” e alcune università italiane, tra cui il Politecnico di Milano, il Politecnico di Torino, l’Università di Cagliari (medicina), l’Università di Firenze (medicina), l’Università di Perugia, l’Università di Roma “Tor Vergata” e “Roma3”, l’Università Torino.

Le università israeliane collaborano alla ricerca militare e allo sviluppo delle armi usate dall’esercito israeliano contro la popolazione palestinese, fornendo un indiscutibile sostegno all’occupazione militare e alla colonizzazione della Palestina...

Leggi tutto e sottoscrivi

lunedì 25 gennaio 2016

Una recensione a "La lotta di classe" su DIalettica e Filosofia

Ringrazio la prof.ssa Fabrizio, autrice della recensione, e la prof.ssa Fabiani [DL].

Orientarsi nel labirinto della lotta di classe
A proposito del libro di Domenico Losurdo, La lotta di classe. Una storia politica e filosoficaElena Maria Fabrizio

"Non è stato l’Occidente a essere colpito dal mondo; è stato il mondo che è rimasto colpito - e duramente colpito - dall’Occidente" A. Toynbee, Il mondo e l’Occidente

L’assenza cronica di visioni globali della storia è il più grave colpo inflitto dall’umore
postmoderno alla contemporaneità. Di questa assenza soffre anche certa cultura marxista, spesso
retrocessa a visioni che hanno rimosso dall’orizzonte storico la portata universalistica del conflitto
di classe, qualche volta ridotto a semplice stagione del più ampio processo moderno di
emancipazione, qualche altra a progetto fallimentare di cui solo la tradizione liberal-riformista
avrebbe saputo tesaurizzare gli aspetti propulsivi.
In questa situazione culturale e politica analizzare i processi storici attraverso la categoria
della lotta di classe è un’operazione coraggiosa perché tocca questioni ideologiche e etico-politiche
che dal crollo del comunismo sovietico è politicamente scorretto, se non scandaloso, evocare. La
critica dell’ideologia però resiste, in uno studioso che ne è tra i più illustri e forse ortodossi
rappresentanti e di cui ci sono noti i meticolosi controcanti all’edificante apologia di quella storia
che l’Occidente proclama come progressiva e propria. Con questo libro, Losurdo riprende il filo di
una ben nota narrazione che si vuole far passare per fallita o passé, ma che forse non si conosce
ancora abbastanza. Ne scandaglia l’interna complessità e senza riduzionismi di sorta ci restituisce
una visione globale della storia nella quale la lotta di classe riceve il...

Leggi tutto su Dialettica e Filosofia

sabato 16 gennaio 2016

L'anti-imperialismo oggi: Domenico Losurdo all'iniziativa di Berlino contro la guerra e la Nato

Am 9. Januar 2016 ging es in Berlin im Willi-Münzenberg-Saal des ND-Gebäudes im Rahmen einer Veranstaltung der Europäischen Linken um das Thema "Anti-Imperialismus heute". Teilnehmer des Podiumsgesprächs waren Rainer Rupp, Dov Khenin, Maite Mola, Giorgos Katrougalos, Domenico Losurdo, Gregor Schirmer und Moderator Diether Dehm. Teil 1 der Video-Dokumentation bringt die Redebeiträge von Domenico Losurdo, italienischer Publizist und Professor für Philosophie an der Universität Urbino.

Einige Zitate aus seinen Redebeiträgen; „Die Barbarei des 'Islamischen Staats' ist die Barbarei des westlichen Kolonialismus und Imperialismus.“ „Angeführt von den USA versucht der westliche Imperialismus, die anti-koloniale Weltrevolution des 20. Jahrhunderts in Frage zu stellen.“ „Putin hat der Kolonialisierung Russlands ein Ende gesetzt... So kann man den Hass des Westens auf Putin verstehen.“ „Ich glaube, dass wir den Kampf gegen den Krieg auch als Kampf gegen die NATO, die amerikanischen NATO-Basen in Italien, Deutschland und in anderen Ländern führen müssen.“

lunedì 11 gennaio 2016

Tradotto anche in Grecia "La lotta di classe"






Domenico Losurdo per "Ricostruire il partito comunista" a Milano: un video






"Ricostruire il partito comunista " - Milano , Palazzo delle stelline, 28 novembre 2015


La presentazione di "La Izquierda ausente" a Madrid: un video

«Hay que distinguir entre la Izquierda que ya ha asumido las opiniones neoliberales y la Izquierda que está comprometida con la defensa de los derechos sociales y económicos»

18 diciembre, 2015  http://zasmadrid.es

Según Domenico Losurdo, en su libro La Izquierda ausente. Crisis, sociedad del espectáculo, guerra, es necesaria una nueva Izquierda, ya que la tradicional no ha sabido evitar el vaciamiento de la democracia, la polarización social y los conflictos armados que la Derecha y el capital imponen



El desmantelamiento de la democracia, la brecha cada vez mayor entre ricos y pobres, el aumento de los conflictos y las guerras… Ante este estado de cosas, Domenico Losurdo en La Izquierda ausente se pregunta por qué los partidos tradicionalmente ubicados en la Izquierda (partidos socialistas, sobre todo) han sido totalmente incapaces de oponerse a esta espantosa deriva. Esta es la cuestión que se plantea en este interesante y documentado ensayo en donde realiza una exhaustiva reflexión sobre el panorama político y social actual. Domenico Losurdo es uno de los filósofos actuales más influyentes.

Losurdo parte en este ensayo de la nueva configuración que se ha creado a partir de la crisis de 2007...
Leggi tutto su zasmadrid.com


Guarda il video di presentazione

domenica 22 novembre 2015

Un seminario a Bologna, martedì 24 novembre: "Crisi, società dello spettacolo, guerra"

Il seminario è organizzato dal liceo Fermi e si svolgerà presso il Circolo Arci Benassi.

lunedì 2 novembre 2015

I problemi della sinistra oggi: un'intervista a #politicanuova



Domenico Losurdo: “Il movimento socialista è nato dall'incontro fra teoria scientifica e lotta di classe: da qui dobbiamo partire!”

#politicanuova intervista Domenico Losurdo, Professore emerito di Storia della Filosofia all'Università di Urbino, tra i maggiori intellettuali contemporanei, che recentemente ha pubblicato  “La sinistra assente” (Carocci, 2014), un'analisi a proposito dell'assenza, in Occidente, di una forza d'opposizione in grado di incidere nella realtà e d'offrire la prospettiva della trasformazione sociale.

A cura di Aris Della Fontana

1. Lei afferma che «la sinistra dilegua proprio nel momento in cui è chiamata a reagire ai processi in atto». Come si spiega questa contraddizione?

Quando parlo del dileguare della sinistra, mi riferisco all'Occidente. La sinistra dilegua, per esempio, dinanzi all'aggravarsi della situazione internazionale. Oggi stiamo assistendo a una serie di guerre neo-coloniali, particolarmente nel Medio Oriente: è un dato di fatto che viene riconosciuto persino da commentatori borghesi, ma che la sinistra occidentale, invece, tace. E oggi i pericoli di guerra si stanno aggravando: ne “La sinistra assente” cito un illustre analista quale Sergio Romano, secondo cui gli Stati Uniti hanno come obiettivo l'acquisizione di una sorta di monopolio sostanziale dell'arma nucleare; e ciò, all'occorrenza, anche al fine di poter scatenare un primo colpo nucleare impunito. Ci troviamo, dunque, dinanzi a una prospettiva decisamente allarmante. Ma la sinistra occidentale latita. Nel libro spiego le ragioni storiche di questa latitanza, ma fermarsi a ciò non basta. Di fronte all'aggravarsi dei conflitti sul piano internazionale, delle tendenze neo-colonialiste e della minaccia imperialista, s'impone la necessità d'una chiara risposta da parte della sinistra – anche sul piano ideologico - e con ciò una sua riorganizzazione. Ma purtroppo siamo ancora disgraziatamente lontani da tale momento.


2. Di fronte alla «crisi economica e politica» e ad un «deteriorarsi della situazione internazionale» che desta importante preoccupazione in particolare per i venti di guerra che spirano sempre più forti, si pone, per la sinistra, la questione delle tempistiche, e cioè della necessità di agire in rapporto a margini non eternamente posponibili? Se la sinistra non si attiva ora, in seguito sarà troppo tardi?

Per quanto concerne lo stato della situazione internazionale, ribadisco quanto sostenuto poco sopra. La sinistra è indubbiamente in ritardo. Questo di per sé non è un fatto nuovo. Prendere coscienza di una situazione oggettiva è un processo faticoso e quindi un certo ritardo è quasi la regola. Però oggi ci troviamo dinanzi a qualcosa di assolutamente inedito. In seguito al trionfo occidentale nella Guerra Fredda ha avuto luogo una demolizione sistematica della complessiva storia del movimento comunista. Ciò ha prodotto effetti devastanti sul fronte dell'incisività politica ed egemonica. Occorre dunque prima di tutto colmare tale ritardo. E, pur essendo un obbligo morale, dobbiamo essere consapevoli che si tratta di un'impresa estremamente complessa. Occorre sentirne l'urgenza, ma senza scoraggiarci per i ritardi, i quali in qualche modo sono inevitabili.


3. Attraverso il «monopolio delle idee e soprattutto delle emozioni» le classi dominanti hanno eseguito un “salto di qualità” nell'ambito del controllo del potere, e cioè dell'egemonia e della lotta di classe? Il concentrarsi, da parte delle prime, sulla suggestione spettacolare denota una lacunosità in fatto di argomenti sostanziali? E, se ciò fosse tale, esistono i margini, da parte della sinistra, per incidere proprio attraverso un solido apparato analitico? Quest'ultima operazione, ancorché valente, non rischierebbe di essere silenziata dai fini meccanismi della «società dello spettacolo»? In tal senso, come va impostata, a sinistra, la questione comunicativa?

La situazione odierna è più difficile che ai tempi di Marx. Egli constatò come la classe che detiene il monopolio della produzione materiale ha anche il monopolio della produzione intellettuale. Ma oggi c'è una novità: la borghesia detiene, oltre a quello delle idee, anche e soprattutto il monopolio delle emozioni; ed è grazie a quest'ultimo che che si scatenano le guerre e i colpi di stato dell'imperialismo.
E, per rispondere al quesito, mi pare esemplare proprio il caso del ricorso a quello che definisco il «terrorismo dell'indignazione»[1], ossia il fatto di suscitare scientemente una vera e propria ondata di indignazione in grado di giustificare la guerra: ciò denota anche una mancanza di argomenti razionali da parte delle classi dominanti. Questa particolare forma di terrorismo, come detto, ha avuto una funzione decisiva nello scatenamento delle ultime guerre. Però non è adeguato assolutizzarne gli effetti. Se per esempio confrontiamo la reazione che a sinistra si è verificata, poco tempo fa, per i fatti di Ucraina con quella avutasi, in un passato un po' meno recente, in occasione della guerra contro la Libia o di quella contro la Jugoslavia, si può osservare come il terrorismo dell'indignazione incontri qualche difficoltà in più.
A sinistra, infatti, c'è qualcuno che comincia a comprendere il funzionamento e le finalità di questo terrorismo dell'indignazione. E personalmente credo, con la mia ricerca, di poter contribuire all'allargarsi di questa importante presa di coscienza. Ovviamente è inutile farsi illusioni: non esiste un'arma magica che neutralizzi una volta per sempre il monopolio della diffusione delle emozioni e con ciò il terrorismo dell'indignazione. La priorità, in tal senso, è contrapporre ad esso un solido sistema di argomentazioni alternative, in grado di essere ampiamente condiviso. E, per conseguire tale finalità, il partito di tipo leninista rappresenta uno strumento essenziale.

4. Se c'è una «sinistra imperiale» che si cala nella realtà con argomenti e progetti pressoché indistinguibili dagli altri partiti borghesi, ce n'è anche un'altra che «non si appiattisce sull'esistente, rispetto al quale anzi vuole costruire un'alternativa radicale». Quest'ultima, però, è in grado di prendere le mosse «dai movimenti e dalle 'lotte reali'», e quindi di porre i presupposti per incidere politicamente? Esiste, in tal senso, il pericolo della «fuga nella teoresi» (Burgio), e cioè dell'elusione delle responsabilità politiche e organizzative conseguente all'oggettiva difficoltà di muoversi tra i corpi reali?

Credo sia sufficiente sottolineare un fatto storico di centrale importanza: il movimento che si è richiamato al socialismo è nato dall'incontro fra, da una parte, la teoria rivoluzionaria e scientifica e, dall'altra, il movimento concreto e cioè le lotte di classe reali. Ed è attorno a tale specifico incontro che oggi, ancora, dobbiamo puntare. Da questo punto di vista, concretamente, si tratta di non abbandonarsi né al teoreticismo astratto né all'empirismo. Questa, invero, è la fondazione e la storia del leninismo.

5. Ne La sinistra assente viene usata l'espressione «romanticismo rivoluzionario»; di esso si afferma il ruolo fortemente negativo allorquando pervade coloro i quali si confrontano con il processo d'indipendenza dei paesi ex coloniali. Ad esso possono essere collegati tendenze quali il «rozzo egualitarismo» e l'«ascetismo universale», trattate ne La lotta di classe (Laterza, 2013)?

Un'emblematica dimostrazione delle conseguenze del romanticismo rivoluzionario si ha nell'atteggiamento che taluni hanno di fronte alla figura di Ernesto Che Guevara. Egli suscita emozioni ed entusiasmo allorché si pensa al guerrigliero rivoluzionario – e ben si comprende, sia chiaro, questa intensa partecipazione. E, però, se riduciamo Che Guevara a questa raffigurazione, ne dimidiamo il profilo, poiché egli, oltre ad essere stato uno dei protagonisti della lotta armata che rovesciò la dittatura di Fulgencio Batista, è stato anche il teorico della lotta di Cuba contro l'aggressione economica - espressione non a caso da egli coniata.
Il romanticismo rivoluzionario è la dinamica nell'ambito della quale, da un lato, ci si commuove e ci si indigna allorché è in atto una lotta armata e, dall'altro, invece, si è incapaci di concepire che tale lotta armata, ai giorni nostri, ha la sua continuazione più spiccata nella lotta finalizzata alla liberazione dalla dipendenza economica e tecnologica e cioè nell'emancipazione dal neo-colonialismo. Cito spesso un passaggio di Empire (2000), lo scritto di Michael Hardt e Antonio Negri. I due autori esprimono una solidarietà nei confronti della Palestina che, tuttavia, si verrebbe a dileguare laddove quest'ultima divenisse uno Stato nazionale. Una solidarietà, dunque, che si attiva esclusivamente nei confronti d'un popolo palestinese che subisce disfatte; invece, nella misura in cui esso conseguisse potenziali vittorie e, in legame a ciò, si edificasse quale Stato nazionale indipendente, tale vicinanza si dileguerebbe. Il seguace del romanticismo rivoluzionario s'emoziona per gli sconfitti, ma non riesce a provare sentimenti simpatetici allorché lo sconfitto tenta di andare oltre la situazione che lo caratterizza. Un caso emblematico è quello dei paesi che consolidano la propria indipendenza politica attraverso lo sviluppo economico e tecnologico: è un compito ben più prosaico e oscuro rispetto alla resistenza contro un mostruoso Golia militare e politico, e ciò non affascina il seguace del romanticismo rivoluzionario[2]. 
Per quanto riguarda l'«ascetismo universale», ne La lotta di classe denuncio soprattutto il populismo, ossia la tendenza che individua nella miseria anche il luogo dell'eccellenza morale. Questo non è mai stato il punto di vista di Marx. Egli, infatti, se, da una parte, non idolatrò mai la ricchezza – al contrario: rinunciò a una vita agiata per seguire la sua vocazione rivoluzionaria – dall'altra men che meno idealizzò la miseria. In tal senso era quantomai consapevole del fatto che proprio la povertà dei rapporti sociali e materiali rende maggiormente difficile l'elaborazione di idee in qualche modo più illuminate. E nel Manifesto del Partito Comunista criticò il «rozzo egualitarismo» e l'«ascetismo universale» quali visioni del mondo che possono essere proprie dei movimenti proletari solo nelle fasi iniziali del loro sviluppo, ma che certamente dovranno essere superate da un movimento socialista collocatosi sul piano scientifico. È necessario, perciò, distinguere Marx da altri movimenti di protesta contro la società di classe. E, inoltre, va sottolineato come un elemento essenziale della visione marxista si rifà alla constatazione secondo cui il socialismo rappresenta un sistema sociale nettamente superiore al capitalismo, non soltanto ché procede ad una più equa redistribuzione della risorse, ma anche ché è in grado d'accrescere la produzione stessa e con essa la ricchezza sociale, la quale, invece, viene distrutta dal capitalismo, come dimostrano le ricorrenti crisi di sovrapproduzione e come sta dimostrando la crisi scoppiata nel 2008.

6. La fine della guerra fredda ha decretato il formarsi di un quadro radicalmente diverso rispetto ai paradigmi vigenti nella fase storica apertasi dopo la fine della seconda guerra mondiale. A questo proposito, lei ritiene che ciò abbia aperto uno spazio nuovo e amplissimo per l'«universalismo imperiale». Quali sono i suoi lineamenti essenziali? E ad esso con quale modalità si lega il «neocolonialismo economico-tecnologico-giudiziario»? Quale ruolo giocano, in tutto ciò, le Organizzazioni non governative (ONG)?


Nella Seconda Guerra Mondiale le grandi potenze europee e occidentali si erano scontrate a partire da «valori» tra loro inconciliabili: quello che oggi chiamiamo Occidente appariva lacerato. Con l'affermarsi di un'incontrastata egemonia statunitense, il politeismo dei valori cedette il posto all'Occidente quale custode di un monoteismo dei valori da universalizzare. Gli Stati Uniti, in linea a ciò, nella fase finale della guerra fredda, sfruttarono il grave indebolimento dei paesi socialisti e del movimento comunista sul piano ideologico, politico e propagandistico: abbandonarono, da una parte, il protezionismo economico e, dall'altra, quello politico-ideologico – e con esso il culto dell'irriducibile peculiarità americana[3] - al fine di riempire, con le coordinate dell'universalismo imperiale, lo spazio nuovo e amplissimo apertosi.
L'universalismo imperiale si è concretato nell'imperialismo del libero mercato e dei diritti umani; attorno a questi ultimi si è venuta definendo una vera e propria religione civile (manipolata), chiamata a glorificare l'Occidente e a ricoprire di vergogna i suoi avversari. E, se, da una parte, non esiste una concordanza nel definire questi valori – si pensi alle divergenze a proposito di questioni quali l'aborto, il porto d'armi e, soprattutto, la pena di morte – va sottolineato, dall'altra, come laddove tali valori sono effettivamente definiti, come nel caso delle varie «libertà», è proprio l'Occidente il primo a calpestarli[4].
E dato che l'Occidente si ritiene interprete dei valori universali e dunque titolare esclusivo del diritto ad esportarli, le guerre di aggressione possono essere argomentate in base a tale schema, che comporta una sovranità dilatata e imperiale. In forme nuove si riproduce la dicotomia propria dell'imperialismo – nazioni elette e realmente fornite di sovranità versus popoli indegni di costituirsi in Stato nazionale autonomo. Oggi, specificatamente, il «neocolonialismo economico-tecnologico-giudiziario» si sostanzia in quattro elementi: esteso controllo economico; superiorità tecnologico-militare; dominio sul fronte multimediale; doppia giurisdizione, funzionale a garantire l'impunità dell'aggressore.
E, tra le varie istanze che si inseriscono in tali dinamiche, un ruolo significativo è svolto dalle Organizzazioni non governative. Innumerevoli e variegate, esse offrono un ampio spazio alle agenzie e ai servizi segreti delle grandi potenze; ma, se non mancano casi di ONG rappresentanti una traduzione immediata di un progetto imperiale, va detto che a svolgere un ruolo essenziale sono soprattutto l'influenza e l'egemonia ideologica: si pensi al contributo fornito da non poche ONG all'aizzamento di una nuova guerra fredda, sempre in agguato[5]. L'impatto egemonico si riscontra nitidamente nella gerarchia dei diritti umani stessi: non c'è più spazio per i diritti sociali ed economici, sanciti dall'Onu alla sua fondazione. Ciò è funzionale alla delegittimazione della rivoluzione anticoloniale. Per i paesi di nuova indipendenza, infatti, la priorità non può che essere la «libertà dalla paura» e la «libertà dal bisogno»: solo una volta sbarazzatisi della preoccupazione di dover fronteggiare l'aggressione e i tentativi di destabilizzazione, questi paesi, grazie allo sviluppo, possono garantire ai cittadini il diritto alla vita e avanzare sulla via del governo della legge e della democratizzazione dei rapporti sociali e delle istituzioni politiche.


7. Ne La lotta di classe (Laterza, 2013), tra le altre cose, si sviluppava criticamente un concetto di centrale importanza, ossia l'«idealismo della prassi». Di cosa si tratta?

Insistendo sulla trasformazione del mondo, il pensiero rivoluzionario è esposto all'«idealismo della prassi», in virtù del quale elementi quali il mercato, la nazione, la religione, lo Stato tendono a smarrire «il carattere dell'essere»[6]. Essi risultano cioè plasmabili in modo agevole e illimitato dall'azione politica; ma il confronto con la prassi effettuale non può che smentire una tale presunzione e rimettere al centro l'oggettività dell'essere sociale, dato che i fichtiani «vincoli delle cose in sé»[7] continuano a essere spessi e resistenti.
Concretamente, ogni grande movimento rivoluzionario è portato a pensare che la propria vittoria sia in grado di porre fine a tutte le contraddizioni. In tal senso, per esempio, immediatamente dopo la Rivoluzione d'Ottobre, alcuni pensarono che il trionfo del socialismo fosse sinonimo del dileguare d'ogni confine statale e d'ogni contraddizione nazionale e, persino, del dissolversi del mercato in quanto tale. Circa quest'ultima istanza è utile rifarsi ai passaggi dei Quaderni ove Gramsci sottolinea il concetto di «mercato determinato»: ivi dimostrò che il «mercato» non è sinonimo di capitalismo, bensì assume declinazioni diverse lungo il corso storico. In altri lavori, specialmente nel libro su Gramsci[8], sottolineo come la sua grandezza stia nell'aver insistito su un punto essenziale: dobbiamo sviluppare un'idea di emancipazione – quella comunista - decisamente radicale, che tuttavia non coincida con la fine della storia. E in linea a ciò non dobbiamo nemmeno pensare alla fine dello Stato; Marx stesso talvolta parla di una sua estinzione, altre volte, invece, si riferisce alla sua estinzione nell'attuale senso politico: ed è questa seconda variante quella corretta. Lo stesso discorso vale per la questione delle nazionalità. Esse non si dileguano col dileguare del sistema capitalistico; e si tenga conto che Karl Kautsky e anche alcuni bolscevichi credevano che col superamento del capitalismo sarebbe scomparsa persino la lingua russa, una sciocchezza contro la quale, come noto, polemizzò anche Stalin (le identità linguistiche, in tal senso, sono al tempo stesso identità nazionali).



[1]             «Grazie alla televisione, ai telefonini, ai computer e ai social media, l'indignazione spontanea o artificialmente prodotta può contare su una diffusione di una capillarità e pervasività senza precedenti, e di essa il paese più potente anche sul piano della tecnologia della comunicazione può servirsi per destabilizzare il paese nemico già dall'interno». «Potendo disporre di strumenti che rendono impossibile distinguere la verità dalla manipolazione, la Psywar ha acquisito un'importanza senza precedenti». Domenico Losurdo, La sinistra assente, Carocci, Roma 2014,  p. 75 e p. 85
[2]             Domenico Losurdo, La sinistra assente, cit., p. 245
[3]             «F. D. Roosvelt, nel celebrare il “nostro sistema americano” e nel criticare Jefferson per essersi lasciato troppo influenzare dalle “teorie dei rivoluzionari francesi”, chiamava i suoi concittadini a opporsi non solo al comunismo ma anche a “qualunque altro “ismo” forestiero». Domenico Losurdo, La sinistra assente, cit., p. 141
[4]             «Ogni volta che a ragione o torto si è sentita in pericolo, la repubblica nordamericana ha proceduto a un rafforzamento più o meno drastico del potere esecutivo e a un restringimento più o meno pesante della libertà di associazione e di espressione. Ciò vale per gli anni immediatamente successivi alla rivoluzione francese, per la guerra di secessione, la prima guerra mondiale, la Grande Depressione, la seconda guerra mondiale, la guerra fredda, la situazione venutasi a creare dopo l'attacco alle torri gemelle». Domenico Losurdo, La sinistra assente, cit., p. 168
[5]             «Nel 2008 e nel 2014 esse si sono impegnate, se non a sabotare, a delegittimare le Olimpiadi estive di Pechino e quelle invernali di Sochi, accodandosi acriticamente alla campagna scatenata dall'Occidente prima contro la Cina e poi contro la Russia». Domenico Losurdo, La sinistra assente, cit., p. 192
[6]             György Lukács, Ontologia dell'essere sociale, trad. it. a cura di A. Scarponi, Editori Riuniti, Roma 1976-81, p. 3
[7]             Si veda Domenico Losurdo, Hegel e la Germania. Filosofia e questione nazionale tra rivoluzione e reazione, Guerini-Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Milano, cap. III, § 2
[8]             Domenico Losurdo, Antonio Gramsci dal liberalismo al «comunismo critico», Gamberetti, 1997